L'actualité du Proche et Moyen-Orient et Afrique du Nord

L’Ungheria inizia a collaborare con l’Iran, che fornisce armi alla Russia

(Roma, 07 dicembre 2022). Il ministro degli esteri ungherese ha annunciato che se l’Iran potesse essere reintegrato nel sistema di partenariato internazionale, sarebbe possibile ottenere progressi significativi nella stabilizzazione dell’intera situazione in Medio Oriente

Il ministro degli Esteri ungherese ha annunciato l’inizio della cooperazione economica con l’Iran. Ha affermato che ciò è necessario per il reinserimento del paese sanzionato nel sistema di cooperazione internazionale, ha affermato su Facebook Peter Szijjarto, ministro degli Esteri e del Commercio dell’Ungheria.

Szijjarto ha annunciato un incontro congiunto con il ministro dell’Economia iraniano a Budapest. È così che, a suo avviso, dovrebbe iniziare la loro collaborazione, che porterà alla « normalizzazione della situazione ». « Ci sono molti problemi nel mondo, negli ultimi giorni abbiamo visto con quanta facilità i conflitti possono sfuggire al controllo. La minaccia alla sicurezza globale può essere ridotta chiudendo il maggior numero possibile di conflitti », ha scritto il ministro ungherese.

Ha affermato che se l’Iran potesse essere reintegrato nel sistema di partenariato internazionale, sarebbe possibile ottenere progressi significativi nella stabilizzazione dell’intera situazione in Medio Oriente.

La posizione filorussa dell’Ungheria

È noto che il governo ungherese guidato da Viktor Orban assume una posizione filo-russa. È questo paese che blocca la decisione di assegnare aiuti all’Ucraina dall’UE. Tra tutti i paesi dell’UE, solo l’Ungheria non ha assegnato all’Ucraina assistenza macrofinanziaria e militare bilaterale. Inoltre, ha bloccato a lungo la fornitura di armi all’Ucraina da altri paesi attraverso il suo territorio.

Fornitura di droni iraniani alla Russia

Le informazioni secondo cui l’Iran fornisce alla Russia droni kamikaze sono apparse in estate. Gli Stati Uniti hanno avvertito che l’Iran potrebbe fornire alla Russia droni d’attacco. Successivamente, gli Stati Uniti hanno confermato che i russi avevano iniziato ad addestrarsi con i droni iraniani. Anche allora, l’Iran e la Russia hanno negato la cooperazione.

Il ministero degli Esteri ucraino ha affermato che la fornitura di armi dell’Iran alla Russia lo rende complice dell’aggressione e dei crimini di guerra sul territorio dell’Ucraina. Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha presentato al presidente una proposta per rompere le relazioni diplomatiche con l’Iran. Inoltre, ha invitato l’UE a imporre sanzioni contro l’Iran.

Il 20 ottobre l’Unione Europea ha approvato sanzioni contro le organizzazioni che forniscono droni iraniani. Anche il Regno Unito ha aderito alle restrizioni.

Infine, l’Iran ha ammesso di aver fornito droni da guerra alla Russia, ma ha affermato che era prima dell’inizio della guerra. Questa versione è plausibile? Abbiamo risposto in questo articolo .

Avvistati consiglieri iraniani nella guerra in Ucraina

Secondo l’intelligence ucraina, l’Iran ha inviato i suoi consiglieri militari per istruire le truppe russe su come utilizzare i suoi droni da combattimento. Kiev ha dichiarato che il governo iraniano intende anche inviare un nuovo gruppo di consiglieri in Russia per addestrare le truppe russe all’uso di missili terra-superficie iraniani e una nuovissima classe di veicoli aerei senza pilota (UAV), chiamati « Arash -2.” Le loro consegne dovrebbero iniziare presto.

Anche un gruppo di consiglieri del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche ha lasciato l’Iran per Dzhankoy, nella Crimea occupata, dove istruiranno le truppe d’invasione russe su come utilizzare i droni « Shahed-136 » e « Mohajer-6 » per colpire le città ucraine.

Utilizzando droni di fabbricazione iraniana, la Russia ha distrutto parti importanti dell’infrastruttura energetica dell’Ucraina.

(Il Mattino)

L’énigme du ballon espion chinois, des doutes et des questions sans réponses

(Paris, Rome, 06.02.2023). Tant de doutes, tant de questions encore sans réponse et si peu de certitudes. S'il ne restait que des débris du...

Il giallo del pallone spia cinese: ecco tutto quello che non torna

(Roma, 06.02.2023). Tanti dubbi, molte domande ancora senza risposta e poche certezze. Se del presunto pallone spia cinese abbattuto al largo della costa della...

Le tremblement de terre qui risque de modifier le Moyen-Orient

(Rome, Paris, 06.02.2023). La secousse qui a ébranlé la terre et la vie de millions de personnes entre la Turquie et la Syrie est...

Il terremoto che rischia di cambiare il Medio Oriente

(Roma, 06.02.2023). Il tremore che ha scosso i terreni e le vite di milioni di persone tra Turchia e Siria è destinato ad avere...

RDC. L’ultimatum de la Communauté d’Afrique de l’Est: un cessez-le-feu et un retrait immédiat du M23 du Nord-Kivu

(Rome, Paris, 06.02.2023). La Communauté d'Afrique de l'Est (CAE) adresse un ultimatum : Un cessez-le-feu et un retrait immédiat du M23 du Nord-Kivu «Cessez-le-feu immédiat...

Recevez notre newsletter et les alertes de Mena News


À lire sur le même thème

Votre réponse

Please enter your comment!
Please enter your name here