L'actualité du Proche et Moyen-Orient et Afrique du Nord

Africa: Francia e Russia cercano di salvare le rispettive zone di influenza

(Roma, 26 luglio 2022). Il presidente francese Emmanuel Macron ha cercato di ottenere un vantaggio invitando il suo omologo egiziano Abdel Fattah al-Sisi all’Eliseo di Parigi per un tête à tête non pubblicizzato il 22 luglio. All’ordine del giorno c’era l’ospitalità egiziana del vertice delle Nazioni Unite sul clima COP27 a novembre e la sua crisi finanziaria aggravata dalla carenza di grano a seguito dell’attacco russo in Ucraina.

Lo stesso giorno a Istanbul il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan e il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres hanno elogiato un accordo tra Russia e Ucraina per garantire corridoi sicuri per l’esportazione delle scorte di grano da 10 miliardi di dollari dell’Ucraina, un accordo che potrebbe alleviare la carenza cronica di cereali in Medio Oriente e in Africa.

Sottolineando la centralità della crisi del grano in Africa Samantha Power, amministratore dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID), si è impegnata il 22 luglio a donare al Kenya circa 225 milioni di dollari in aiuti di emergenza per alleviare la siccità nelle sue province settentrionali.

Funzionari kenioti stimano che circa quattro milioni della loro popolazione affrontano una grave carenza di cibo che sta causando un terribile aumento della malnutrizione infantile, che è salita a 942mila casi da marzo, e l’ONU ha sottolineato che le crisi alimentari ed energetiche si stanno aggravando a causa della guerra della Russia contro l’Ucraina.

Il 23 luglio le speranze di una svolta più ampia sono state deluse quando la Russia ha lanciato missili da crociera contro Odessa, il porto più grande dell’Ucraina da dove avrebbero dovuto salpare le navi cerealicole per la Liberia e la Sierra Leone, ma funzionari russi hanno insistito sul fatto che l’attacco fosse mirato alle strutture militari ucraine, non alle navi che trasportavano cibo.

Subito dopo la notizia dell’attacco il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è atterrato al Cairo per incontrare Sameh Shoukry, il suo omologo egiziano, prima di parlare a un pubblico più ampio di ministri della Lega Araba. Come l’India e il Sud Africa, l’Egitto mantiene relazioni sia con Mosca che con tutti i principali Stati membri della NATO.

Dopo gli incontri al Cairo Lavrov è volato in Congo-Brazzaville, stretto partner di Mosca fin dalla Guerra fredda, prima di dirigersi verso l’Uganda e l’Etiopia, entrambi paesi le cui relazioni con l’occidente sono state deboli negli ultimi anni.

La missione di Lavrov è stata agevolata da alcuni articoli ben posizionati sui giornali africani in cui si sostiene che la Russia ha “…sempre sinceramente sostenuto gli africani nella loro lotta per la libertà dal giogo coloniale”. Ha aggiunto che Mosca ha apprezzato la “posizione equilibrata” dell’Africa sull’Ucraina. Tuttavia i 54 stati dell’Unione Africana non condividono una visione consensuale sull’Ucraina, ma la maggior parte di loro ha rifiutato apertamente, come la Cina, di approvare l’attacco russo.

La missione del presidente Macron in Camerun, Benin e Guinea-Bissau è altrettanto problematica, ma per ragioni diverse. È vero, il Camerun sta acquistando equipaggiamento militare dalla Russia e si iscrive a programmi di addestramento. Ma il mal di testa più grande per Macron è che l’anziano presidente Paul Biya, alleato di lunga data di Parigi, sta perdendo la presa sul paese mentre le insurrezioni, una dei jihadisti e l’altra dei separatisti anglofoni, si intensificano.

Il malgoverno e la grande corruzione di Biya negli ultimi quattro decenni, in cui sono stati coinvolti governi e aziende francesi, hanno deluso molti camerunesi che cercano un nuovo inizio e nuovi partner internazionali. Macron troverà una dinamica simile in Benin, dove l’uomo d’affari diventato presidente, Patrice Talon, ha intensificato l’autoritarismo e schiacciato i suoi oppositori.

La Guinea-Bissau, l’ultimo scalo per Macron questa settimana, presenta una serie diversa di sfide. La cosa più importante per Macron sarà costruire relazioni più strette con il presidente di Bissau Úmaro Sissoco Embaló, che è subentrato alla presidenza della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) alla ghanese Nana Addo Dankwa Akufo-Addo.

Di Giuseppe Gagliano. (Notizie Geopolitiche)

Russia-Ucraina. Stoltenberg: offensiva Kiev fa progressi impressionanti

(Roma, 05 ottobre 2022). L'esercito russo si sta ammassando verso Kherson. Gli ucraini annunciano di aver iniziato la liberazione della regione del Luhansk "Ho parlato...

Ucraina-Russia: l’esercito di Kiev assalta la regione di Kherson, carri armati russi distrutti lungo la strada

Le forze di liberazione concentrano gli attacchi nella parte nord dell'oblast: in questo video, gli effetti della battaglia in una strada di campagna, piena...

Ukraine-Russie: l’armée de Kiev prend d’assaut la région de Kherson, des chars russes détruits le long de la route

Les forces de libération concentrent leurs attaques dans la partie nord de l'oblast : dans cette vidéo, les effets de la bataille sur une...

Bomba atomica, generale Tricarico: «minaccia concreta, si rischiano cento Torri gemelle»

(Roma, Parigi, 05 ottobre 2022). Muoia Sansone con tutti i filistei, è questa la sindrome di Putin? «I segnali ci sono e c’è da...

Vladimir Putin ammette ritirata, Kiev ritorna nei suoi territori: ucraini sfondano a Sud. A Kherson la sfida decisiva

(Roma, Parigi, 05 ottobre 2022). I carri armati ucraini stanno sfondando anche a Sud, nella regione di Kherson, in uno dei quattro territori che...

Recevez notre newsletter et les alertes de Mena News


À lire sur le même thème

Votre réponse

Please enter your comment!
Please enter your name here