L'actualité du Proche et Moyen-Orient et Afrique du Nord

Von der Leyen: «Cambiare i Trattati per riformare l’UE»

(Roma, Parigi, 09 maggio 2022). Il presidente della Commissione europea auspica riforme senza tabù ed esalta il ruolo e il contributo dei cittadini: « La democrazia non si esaurisce con elezioni, conferenze o convegni ». Macron a Strasburgo: « Decidere a 27 ci rallenta »

« I cittadini, con le loro proposte, hanno detto all’Ue dove vogliono che questa Europa vada e ora sta a noi prendere la via più diretta: modificare i Trattati dove è necessario ». Lo ha detto il presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, alla sessione finale della Conferenza sul futuro dell’Europa a Strasburgo. « Il voto all’unanimità, in alcune aree chiave della politica europea, semplicemente non ha più senso se vogliamo essere in grado di muoverci più velocemente », ha aggiunto il presidente.

Macron: « Decidere a 27 ci rallenta » – A proposito di unanimità, sul tema si è espresso anche il presidente francese Emmanuel Macron. « Decidere tutto a 27 ci rallenta. I capi di Stato e governo non si riuniscono mai in formato zona euro, siamo gli unici condomini che non si riuniscono mai per prendere decisioni sul nostro palazzo, come accade per Schengen, è sbagliato. C’è un’avanguardia che vuole procedere più velocemente per mostrare la strada. Conosco i timori, ma l’Europa a più velocità esiste già. Non dobbiamo escludere nessuno ma i più reticenti non possono bloccare tutto », ha spiegato a Strasburgo in occasione della Giornata dell’Europa.

Von der Leyen: « Riforme senza tabù » – « Sarò sempre dalla parte di coloro che vogliono riformare l’Ue per farla funzionare meglio », ha sottolineato poi la von der Leyen, indicando di voler lavorare in questa direzione « senza tabù e senza alcuna linea rossa ideologica. Ora sta a noi prendere la via più diretta. Utilizzando tutti i limiti di ciò che possiamo fare all’interno dei Trattati e, sì, modificando i Trattati dove necessario », ha ribadito.

Il valore dei cittadini per la democrazia – La von der Leyen ha detto di accogliere « con favore il fatto che per la prima volta in assoluto il Parlamento europeo sia pronto a usare i suoi poteri per proporre una Convenzione ». E questo modus operandi lo ha definito « una forma di democrazia che funziona. E credo che dovrebbe diventare parte del nostro modo di fare politica. Questo è il motivo per cui proporrò che, in futuro, diamo ai gruppi di cittadini il tempo e le risorse per formulare raccomandazioni prima di presentare alcune proposte legislative chiave. Perché la democrazia non si esaurisce con elezioni, conferenze o convegni. Ha bisogno di essere lavorata, nutrita e migliorata ogni giorno », ha aggiunto.

Pace e progresso – Con la Conferenza sul futuro dell’Europa, infatti, i cittadini europei « ci hanno detto che vogliono costruire un futuro migliore rispettando le promesse più durature del passato. Promesse di pace e prosperità, equità e progresso. Di un’Europa sociale e sostenibile », ha spiegato la von der Leyen.

Pensiero per Sassoli – La von der Leyen poi ha rivolto un pensiero a David Sassoli. « La democrazia non è passata di moda, ma deve aggiornarsi per continuare a migliorare la vita delle persone. Queste le parole di David Sassoli – un grande europeo che è stato qui un anno fa per lanciare questa conferenza. Ci manca moltissimo a tutti e oggi ho un posto speciale per lui nel mio cuore. E sono orgogliosa che cittadini di ogni angolo d’Europa abbiano dato vita alla sua visione di una democrazia europea moderna e vibrante », ha sottolineato.

(Tgcom24)

Mikhail Gorbaciov, 91 anni, ricoverato in dialisi in ospedale

L'ex Presidente dell'Unione sovietica, e segretario del Partito Comunista,  Mikhail Gorbaciov, è stato ricoverato in ospedale, dove è in dialisi, lo ha  reso noto...

Mikhaïl Gorbatchev, 91 ans, hospitalisé sous dialyse

L'ancien président de l'Union soviétique et Premier secrétaire du Parti communiste Mikhaïl Gorbatchev a été hospitalisé, où il est sous dialyse, a indiqué Rousslan...

L’Ouzbékistan décrète l’État d’urgence dans une région après des manifestations antigouvernementales

Le président ouzbek Chavkat Mirzioïev a décrété samedi 2 juillet l'état d'urgence pour un mois dans la république autonome du Karakalpakistan, secouée par une...

La Libye à nouveau en feu ? Les échos depuis Tripoli

(Rome, Paris, 02 juillet 2022). Les manifestations libyennes constituent un signal d'alarme. Les citoyens sont épuisés, le risque de dérives violentes existe et pourrait...

La Libia di nuovo in fiamme ? Cronache da Tripoli

(Roma, Parigi, 02 luglio 2022). Le proteste libiche sono un campanello d’allarme. I cittadini sono stremati, il rischio di derive violente esiste e potrebbe...

Recevez notre newsletter et les alertes de Mena News


À lire sur le même thème

Votre réponse

Please enter your comment!
Please enter your name here