L'actualité du Proche et Moyen-Orient et Afrique du Nord

Bahrein: la consacrazione della più grande chiesa cattolica della penisola arabica

(Roma, Parigi, 10 dicembre 2021). La costruzione della Cattedrale di Maria Regina d’Arabia cominciò nel 2014, dopo la donazione del terreno da parte del re del Bahrein che l’ha inaugurata. Venerdi il cardinale Tagle la consacrerà

Venerdi, 10 dicembre, il cardinale Luis Antonio Tagle, prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, consacrerà ad Awali in Bahrein la cattedrale dedicata a Maria regina d’Arabia. La piccola comunità cattolica del regno del Bahrein, circa 80mila battezzati, ha finalmente il suo punto di riferimento. Si tratta della più grande chiesa cattolica della penisola araba; una prima cattedrale, dedicata alla Sacra famiglia nel deserto, fu costruita dal 1956 al 1961 a Madinat al-Kuwait, sempre appartenente al vicariato apostolico che comprende Bahrein, Kuwait e, formalmente, Arabia Saudita.

Il Bahrein è uno dei pochi paesi musulmani della penisola arabica ad avere una popolazione cristiana locale, in particolare cattolica romana, dal 1930. Si tratta principalmente di lavoratori migranti dall’Asia e si annoverano pure gli espatriati dai paesi occidentali; costituiscono attualmente il 10% della popolazione.

Sebbene l’islam sia la religione ufficiale del paese e sia applicata la Shariah (legge islamica), i gruppi cristiani e di altre religioni godono della libertà di culto, al contrario di quanto avviene nella vicina Arabia Saudita. Il Bahrein, che intrattiene relazioni diplomatiche con la Santa Sede, ha mostrato apertura al dialogo interreligioso: qui fu presentato lo storico Documento sulla fratellanza umana per la pace nel mondo e la vita insieme, firmato ad Abu Dhabi da papa Francesco e dallo sceicco Ahmed el-Tayeb, Grande imam di Al-Azhar, il 4 febbraio 2019. D’altronde, colei che per i cattolici è la Madre di Dio è riconosciuta dai musulmani come madre del grande profeta Isa. Recita il Corano: «Gli angeli dissero: “O Maryam, Allah ti ha eletta, ti ha purificata ed eletta tra tutte”» (Sura ali-Imran, 3:42).

Il re Hamad bin Isa al-Khalifa ha inaugurato l’edificio sacro. Fu lui a donare già dal 2013 un terreno di 9.000 metri quadrati alla comunità cattolica perché potesse costruire una chiesa e la posa della prima pietra risale al 31 maggio 2014. Il progetto fu sostenuto con entusiasmo dall’allora vicario apostolico Camillo Ballin, deceduto lo scorso anno. Anche Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs) International, sempre molto attenta alle condizioni dei cristiani in minoranza, è intervenuta nelle diverse tappe della costruzione, considerata un grande passo avanti nel dialogo e al tempo stesso una testimonianza del numero sempre crescente di cattolici nella regione.

Una descrizione virtuale dell’edificio è disponibile sul sito web della cattedrale, la quale può contenere più di 2.300 persone, anche se alla cerimonia parteciperà solo un piccolo gruppo di fedeli a causa della profilassi sanitaria. Ci sono due cappelle maggiori e altrettante grandi sale, più appositi spazi per le confessioni. La forma ottagonale richiama il significato escatologico e guglie ricordano le torri a vento delle case sulla costa del Golfo. La struttura rimanda a una tenda e vuole ricordare quella nella quale, secondo l’Antico Testamento, Mosè incontrò il suo popolo.

Il complesso della cattedrale non solo diventerà un luogo di culto di riferimento per la comunità cattolica della regione, ma anche la sede della curia vescovile. Ospiterà una casa di accoglienza e un centro di formazione. Una delle sue caratteristiche principali è una statua policroma di Nostra Signora d’Arabia posta all’interno.

La consacrazione della cattedrale acquista rilievo anche alla luce del recente messaggio con cui re Ahmed bin Isa ha ufficialmente invitato papa Francesco a visitare il Bahrein. L’invito ufficiale è stato consegnato al Pontefice dallo sheikh Khalid bin Ahmed bin Mohammed al-Khalifa, consigliere di sua Maestà per gli affari diplomatici, lo scorso 25 novembre in Vaticano. Durante la visita, l’inviato del monarca bahrainita ha trasmesso al Papa anche saluti e auguri di buona salute inviati da re Ahmad, insieme al suo «apprezzamento per il ruolo fondamentale e di primo piano svolto dal Papa nello stabilire e promuovere il dialogo interreligioso e la comprensione tra le varie culture e civiltà, nonché nel diffondere i valori della fratellanza umana e della convivenza tra tutti».

Redazione. (Avvenire)

Russia-Ucraina. Stoltenberg: offensiva Kiev fa progressi impressionanti

(Roma, 05 ottobre 2022). L'esercito russo si sta ammassando verso Kherson. Gli ucraini annunciano di aver iniziato la liberazione della regione del Luhansk "Ho parlato...

Ucraina-Russia: l’esercito di Kiev assalta la regione di Kherson, carri armati russi distrutti lungo la strada

Le forze di liberazione concentrano gli attacchi nella parte nord dell'oblast: in questo video, gli effetti della battaglia in una strada di campagna, piena...

Ukraine-Russie: l’armée de Kiev prend d’assaut la région de Kherson, des chars russes détruits le long de la route

Les forces de libération concentrent leurs attaques dans la partie nord de l'oblast : dans cette vidéo, les effets de la bataille sur une...

Bomba atomica, generale Tricarico: «minaccia concreta, si rischiano cento Torri gemelle»

(Roma, Parigi, 05 ottobre 2022). Muoia Sansone con tutti i filistei, è questa la sindrome di Putin? «I segnali ci sono e c’è da...

Vladimir Putin ammette ritirata, Kiev ritorna nei suoi territori: ucraini sfondano a Sud. A Kherson la sfida decisiva

(Roma, Parigi, 05 ottobre 2022). I carri armati ucraini stanno sfondando anche a Sud, nella regione di Kherson, in uno dei quattro territori che...

Recevez notre newsletter et les alertes de Mena News


À lire sur le même thème

Votre réponse

Please enter your comment!
Please enter your name here