L'actualité du Proche et Moyen-Orient et Afrique du Nord

Francia-Germania: Macron e Scholz celebrano i 60 anni del Trattato dell’Eliseo

Francia e Germania lavoreranno nei prossimi mesi per rendere l’Unione europea più forte e autonoma. È questo il messaggio lanciato dal presidente francese e dal cancelliere tedesco in un articolo congiunto scritto per “Le Journal du Dimanche” e il “Frankfurter Allgemeine Zeitung”

Francia e Germania lavoreranno nei prossimi mesi per rendere l’Unione europea più forte e autonoma. È questo il messaggio lanciato dal presidente francese, Emmanuel Macron, e dal cancelliere tedesco, Olaf Scholz, in un articolo congiunto scritto per “Le Journal du Dimanche” e il “Frankfurter Allgemeine Zeitung” in occasione del 60mo anniversario del Trattato dell’Eliseo. Questo storico documento firmato 60 anni fa dal presidente francese Charles de Gaulle e dal cancelliere tedesco Konrad Adenauer: Macron e Scholz festeggeranno questa ricorrenza domenica 22 gennaio con un vertice intergovernativo che si terrà proprio presso la sede della presidenza francese a Parigi. “Sessanta anni fa, il presidente Charles de Gaulle e il cancelliere Konrad Adenauer firmarono un trattato storico: il Trattato dell’Eliseo. Così i francesi come i tedeschi, siamo tutti figli di questo documento fondativo, che ha segnato la fine di decenni, se non di secoli, di feroci rivalità e di sanguinose guerre tra i nostri due popoli, nel cuore dell’Europa”, si legge nell’articolo siglato dai due leader.

La firma del Trattato dell’Eliseo, proseguono Macron e Scholz, “è stata un forte simbolo della nostra riconciliazione. A meno di vent’anni dalla fine degli orrori della Seconda guerra mondiale, provocati dalla Germania, questo risultato non era affatto scontato”. Secondo il presidente francese e il cancelliere tedesco, “ci è voluto il coraggio morale per chiudere un tragico capitolo del passato. Ci è voluta la lucidità per riconoscere che tutti questi secoli che i nostri due Paesi hanno trascorso a confrontarsi dovevano portare a un futuro in cui avremmo camminato mano nella mano. Perché i nostri giovani, al di qua e di là del Reno, avevano il diritto di vivere in pace e di costruirsi un futuro migliore”.

(Agenzia Nova)

L’énigme du ballon espion chinois, des doutes et des questions sans réponses

(Paris, Rome, 06.02.2023). Tant de doutes, tant de questions encore sans réponse et si peu de certitudes. S'il ne restait que des débris du...

Il giallo del pallone spia cinese: ecco tutto quello che non torna

(Roma, 06.02.2023). Tanti dubbi, molte domande ancora senza risposta e poche certezze. Se del presunto pallone spia cinese abbattuto al largo della costa della...

Le tremblement de terre qui risque de modifier le Moyen-Orient

(Rome, Paris, 06.02.2023). La secousse qui a ébranlé la terre et la vie de millions de personnes entre la Turquie et la Syrie est...

Il terremoto che rischia di cambiare il Medio Oriente

(Roma, 06.02.2023). Il tremore che ha scosso i terreni e le vite di milioni di persone tra Turchia e Siria è destinato ad avere...

RDC. L’ultimatum de la Communauté d’Afrique de l’Est: un cessez-le-feu et un retrait immédiat du M23 du Nord-Kivu

(Rome, Paris, 06.02.2023). La Communauté d'Afrique de l'Est (CAE) adresse un ultimatum : Un cessez-le-feu et un retrait immédiat du M23 du Nord-Kivu «Cessez-le-feu immédiat...

Recevez notre newsletter et les alertes de Mena News


À lire sur le même thème

Votre réponse

Please enter your comment!
Please enter your name here