L'actualité du Proche et Moyen-Orient et Afrique du Nord

Brasile: a casa dell’ex ministro della Giustizia è stato trovato un decreto per sospendere i risultati del voto

(Roma, 12.01.2023). Obiettivo della misura straordinaria, che non è stata mai firmata dall’allora presidente Jair Bolsonaro, era sospendere e di fatto rivedere il risultato elettorale favorevole al presidente Luiz Inacio Lula da Silva

Nel corso di una perquisizione presso l’abitazione dell’ex ministro della Giustizia del Brasile, Anderson Torres, la Polizia federale (Pf) ha trovato una bozza di decreto presidenziale che stabiliva lo “stato di difesa” presso il Tribunale superiore elettorale (Tse). Lo riferisce in esclusiva il quotidiano “Folha de Sao Paulo”. Obiettivo della misura straordinaria, che non è stata mai firmata dall’allora presidente Jair Bolsonaro, era sospendere e di fatto rivedere il risultato elettorale favorevole al presidente Luiz Inacio Lula da Silva. La polizia ha trovato il documento in un armadio in casa dell’ex ministro di cui è già stato ordinato l’arresto per le responsabilità nell’ambito dell’invasione e depredazione dei palazzi istituzionali avvenute domenica 8 gennaio a Brasilia.

La Costituzione federale prevede che il presidente della Repubblica, sentiti il Consiglio della Repubblica e il Consiglio di difesa nazionale, possa decretare “lo stato di difesa per conservare o ristabilire tempestivamente l’ordine pubblico o la pace sociale minacciati da gravi ed imminenti dissesti istituzionali o colpiti da calamità di natura di grandi proporzioni”. Il decreto, deve essere inviato al congresso entro 24 ore successive ed essere sottoposto all’approvazione a maggioranza assoluta.

Il giudice della Corte suprema del Brasile, Alexandre de Moraes, ha ordinato l’arresto di Torres il 10 gennaio. Attualmente il politico si trova a Orlando, negli Stati Uniti, in ferie. Torres era il responsabile della sicurezza a Brasilia quando la scorsa domenica migliaia di sostenitori del presidente Bolsonaro hanno invaso gli edifici del parlamento, della Corte suprema e della presidenza della Repubblica. Il governatore lo aveva immediatamente sollevato dall’incarico, prima di essere egli stesso sospeso per 90 giorni dalla Corte suprema. L’avvocatura dello Stato aveva chiesto l’arresto di Torres e in mattinata il commissario di governo per la sicurezza pubblica nel Distretto federale, Ricardo Cappelli, aveva accusato apertamente Torres di aver sabotato il piano di sicurezza definito per la manifestazione di domenica a Brasilia, sfociata in atti vandalici contro i palazzi del potere.

(Nova News)

Le tremblement de terre qui risque de modifier le Moyen-Orient

(Rome, Paris, 06.02.2023). La secousse qui a ébranlé la terre et la vie de millions de personnes entre la Turquie et la Syrie est...

Il terremoto che rischia di cambiare il Medio Oriente

(Roma, 06.02.2023). Il tremore che ha scosso i terreni e le vite di milioni di persone tra Turchia e Siria è destinato ad avere...

RDC. L’ultimatum de la Communauté d’Afrique de l’Est: un cessez-le-feu et un retrait immédiat du M23 du Nord-Kivu

(Rome, Paris, 06.02.2023). La Communauté d'Afrique de l'Est (CAE) adresse un ultimatum : Un cessez-le-feu et un retrait immédiat du M23 du Nord-Kivu «Cessez-le-feu immédiat...

RDC: ultimatum EAC. Cessate il fuoco e ritiro immediato di M23 dal North Kivu

(Roma, 06.02.2023). Ultimatum dell’EAC: Cessate il fuoco e ritiro immediato di M23 dal North Kivu Immediato cessate il fuoco e contestuale ritiro di tutti i...

Plus d’un millier de morts en Turquie et en Syrie après un séisme de magnitude 7,8

(Rome, 06.02.2023). Un séisme de magnitude 7,8 a frappé, lundi 6 février, le sud de la Turquie et la Syrie voisine, faisant plusieurs centaines...

Recevez notre newsletter et les alertes de Mena News


À lire sur le même thème

Votre réponse

Please enter your comment!
Please enter your name here