L'actualité du Proche et Moyen-Orient et Afrique du Nord

Varsavia esclude Sergei Lavrov dal vertice OSCE

(Roma, 21 novembre 2022). La porta in faccia al summit ha scatenato l’ira di Mosca. Ma il ministero degli Esteri polacco non lascia spazio ai ripensamenti, deciso a non scendere a compromessi sulla sovranità territoriale ucraina

Dialogo sì ma non a tutti a costi: al vertice Osce atteso a Lódz in Polonia l’1 e 2 dicembre il ministro degli Esteri polacco e presidente di turno, Zbigniew Rau,  ha deciso di non concedere il visto al ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov. La porta in faccia ha scatenato l’ira di Mosca, che ha accusato Varsavia “non solo di aver screditato se stessa, ma di aver inferto un colpo irreparabile all’autorità dell’Osce stessa”. Il portavoce del ministero polacco però non lascia spazio a ripensamenti: “Invitare Lavrov avrebbe significato venire meno a quel vincolo di solidarietà che il nostro governo ha stabilito con Kyiv dall’inizio dell’invasione”. Se il net di Varsavia rafforza il fronte occidentale deciso a non scendere a compromessi sulla sovranità territoriale ucraina, per l’Osce però è solo l’ultimo di una serie di incidenti che hanno impantanato la diplomazia del summit dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa. Già all’inizio del conflitto l’Organizzazione aveva dovuto ritirare tutto il suo staff della missione di monitoraggio nell’est dell’Ucraina finito sotto i colpi dell’artiglieria russa.

Nel corso dell’anno Mosca ha poi bloccato, tramite la regola del consenso, tutte le attività dell’ufficio di corrispondenza dell’Organizzazione in Ucraina. Varsavia aveva risposto organizzando un’alleanza di paesi amici per finanziare attività di sostegno parallele degli esperti Osce, aggirando il veto di Mosca. Le speranze di ricucire i rapporti per il vertice conclusivo della presidenza polacca erano dunque minime e anzi pesava sulla riuscita anche la possibilità di un rifiuto del capo della diplomazia russa. Così Varsavia ha scelto la linea dura e per la prima volta dal 1975 a oggi l’emissario di Mosca non è il benvenuto a un vertice Osce. Se un dialogo sul conflitto in Ucraina a Lódz non è neanche ipotizzabile, a farne le spese potrebbero essere i testi su Transnistria, Georgia e  Armenia e Azerbaigian, tutti conflitti in cui Mosca gioca ancora un ruolo chiave e, messa a alla porta, non aiuterà nella risoluzione.

Di Pietro Gusatamacchia. (Il Foglio)

Iran: l’ancien président Khatami soutient les étudiants manifestants

(Rome, 07 décembre 2022). La troisième journée de grève générale en Iran s'est concentrée autour des universités. À l'occasion de la Journée des étudiants,...

La Hongrie entame une coopération avec l’Iran, qui fournit des armes à la Russie

(Paris, Rome, 07 décembre 2022). Le ministre hongrois des Affaires étrangères a annoncé que si l'Iran pouvait être réintégré dans le système de partenariat...

L’Ungheria inizia a collaborare con l’Iran, che fornisce armi alla Russia

(Roma, 07 dicembre 2022). Il ministro degli esteri ungherese ha annunciato che se l'Iran potesse essere reintegrato nel sistema di partenariato internazionale, sarebbe possibile...

Afrique de l’Ouest: la force militaire régionale de la CEDEAO est née

(Paris, Rome, 07 décembre 2022). La force militaire régionale de la CEDEAO est née. Objectifs : lutter contre la montée du djihadisme en Afrique...

Africa Occidentale: nasce la Forza militare regionale della ECOWAS

(Roma, Parigi, 07 dicembre 2022). Nasce la Forza militare regionale della ECOWAS. Obiettivi: combattere il jihadismo in crescita nell’Africa Occidentale e i colpi di...

Recevez notre newsletter et les alertes de Mena News


À lire sur le même thème

Votre réponse

Please enter your comment!
Please enter your name here