L'actualité du Proche et Moyen-Orient et Afrique du Nord

Intelligence USA: la Russia ha atteso le elezioni statunitensi per ritirarsi da Kherson

(Roma, 15 novembre 2022). Mercoledì scorso anche il presidente Biden, in conferenza stampa, aveva evidenziato come l’annuncio del ritiro da Kherson fosse giunto proprio dopo il voto

Pur di non concedere al presidente Joe Biden un vantaggio politico in vista del voto, la Russia avrebbe aspettato lo svolgimento delle elezioni di medio termine negli Stati Uniti per annunciare il ritiro delle proprie forze da Kherson, in Ucraina. Lo rivelano quattro fonti dell’intelligence Usa citate dall’emittente “CNN”.

Secondo le informazioni raccolte, non avendo molte altre opzioni operative a disposizione, la Russia studiava da settimane tempi e modi per annunciare l’abbandono del primo e unico capoluogo di provincia conquistato dopo l’invasione dell’Ucraina, lo scorso 24 febbraio. La conclusione delle elezioni di medio termine negli Stati Uniti, che fino alla vigilia del voto sembravano destinate a sottrarre al Partito democratico del presidente Biden il controllo del Congresso, sarebbe sempre stata una delle “condizioni” fissate dal Cremlino per dare il via libera al ritiro da Kherson. Il fatto, sottolinea la “Cnn”, mostra come la Russia continui a cercare d’influenzare lo scenario politico statunitense, pur sopravvalutando forse l’impatto che la notizia avrebbe avuto sull’esito delle elezioni, al termine delle quali il Partito democratico è riuscito quantomeno a mantenere la maggioranza al Senato.

Mercoledì scorso anche il presidente Biden, in conferenza stampa, aveva evidenziato come l’annuncio del ritiro da Kherson fosse giunto proprio dopo il voto negli Usa. “Trovo interessante – aveva detto il capo della Casa Bianca – che (i russi) abbiano atteso la fine delle elezioni per una mossa che sapevamo da tempo avrebbero dovuto compiere. È la prova del fatto che i militari russi hanno dei seri problemi”.

Biden aveva anche espresso l’auspicio che, una volta concluse le elezioni negli Stati Uniti, Mosca potesse scendere a compromessi sul destino dei cittadini Usa attualmente detenuti in Russia, in particolare Brittney Griner e Paul Whelan. Il tema è stato probabilmente tra quelli discussi ieri ad Ankara dal direttore della Cia, William Burns, con la controparte russa Sergej Narjshkin, sebbene la Casa Bianca abbia sottolineato come il colloquio sia stato incentrato in particolare sul rischio di un’escalation nucleare in Ucraina.

(Nova News)

Iran: l’ancien président Khatami soutient les étudiants manifestants

(Rome, 07 décembre 2022). La troisième journée de grève générale en Iran s'est concentrée autour des universités. À l'occasion de la Journée des étudiants,...

La Hongrie entame une coopération avec l’Iran, qui fournit des armes à la Russie

(Paris, Rome, 07 décembre 2022). Le ministre hongrois des Affaires étrangères a annoncé que si l'Iran pouvait être réintégré dans le système de partenariat...

L’Ungheria inizia a collaborare con l’Iran, che fornisce armi alla Russia

(Roma, 07 dicembre 2022). Il ministro degli esteri ungherese ha annunciato che se l'Iran potesse essere reintegrato nel sistema di partenariato internazionale, sarebbe possibile...

Afrique de l’Ouest: la force militaire régionale de la CEDEAO est née

(Paris, Rome, 07 décembre 2022). La force militaire régionale de la CEDEAO est née. Objectifs : lutter contre la montée du djihadisme en Afrique...

Africa Occidentale: nasce la Forza militare regionale della ECOWAS

(Roma, Parigi, 07 dicembre 2022). Nasce la Forza militare regionale della ECOWAS. Obiettivi: combattere il jihadismo in crescita nell’Africa Occidentale e i colpi di...

Recevez notre newsletter et les alertes de Mena News


À lire sur le même thème

Votre réponse

Please enter your comment!
Please enter your name here