L'actualité du Proche et Moyen-Orient et Afrique du Nord

Libia: la sfida estera del nuovo governo dell’Italia

(Roma, 30 ottobre 2022). Mentre gli occhi del mondo sono puntati sulla prospettiva di una guerra nucleare in Ucraina, dall’altra parte del Mediterraneo la Libia sprofonda nel caos e rischia la spartizione tra Turchia e Russia. Come anticipato da InsideOver, il piano delle Nazioni Unite per andare alle elezioni il 24 dicembre 2021, simbolica data del 70esimo anniversario dell’indipendenza, è miseramente fallito. Venti di guerra soffiano su Tripoli, la capitale del Paese in mano a un’amministrazione sempre più dipendente dal presidente-sultano Recep Tayyip Erdogan.

Il redivivo generale Khalifa Haftar, l’uomo forte della Cirenaica noto in Italia per aver sequestrato per 108 giorni i 18 pescatori di Mazara del Vallo, si è tolto la cravatta di Talarico regalatagli da Giuseppe Conte per indossare la divisa militare e incitare una “rivolta popolare” contro i “corrotti”. I mercenari russi pagati con i soldi del petrolio di contrabbando e la nafta clandestina rimangono con i loro stivali ben piantati sul fianco sud della Nato. Eppure, l’Italia ha ancora un asso nella manica.

Primi partner commerciali

Secondo quanto riferito dall’Agenzia Nova, siamo il primo partner commerciale della Libia, con un valore dell’interscambio di oltre 6,37 miliardi di euro nei primi setti mesi del 2022. Gli scambi tricolore con la Libia hanno registrato un aumento dell’83,68% rispetto allo stesso periodo del 2021, con una quota di mercato del 22,26%, davanti a Cina (2,95 miliardi di euro di interscambio e 10,31% di quota di mercato), Spagna (2,44 miliardi di euro di interscambio e 8,54% di quota di mercato), Grecia (2,39 miliardi di euro e l’8,33% del mercato), Germania (2,37 miliardi di euro di interscambio e l’8,27% della quota di mercato), Turchia (1,94 miliardi di euro e il 6,77% del mercato) e Stati Uniti (1,38 miliardi di euro di interscambio e il 4,81% della quota di mercato). Vero è che Ankara è il primo Paese fornitore della Libia con 1,54 miliardi di euro di esportazioni (+22,30 per cento) e una quota di mercato del 17,23%, mentre l’Italia è solo terza con 1,11 miliardi di euro (+71,24 per cento) e una quota di mercato del 12,38%. Ma il peso economico complessivo dell’Italia in Libia è tre volte quello della Turchia. Di fatto, senza l’Italia e senza l’Eni la Libia resterebbe al buio e perderebbe il suo miglior cliente.

Riallacciare i contatti

Il nuovo governo di Giorgia Meloni può quindi partire da una solida posizione economica e una diplomazia che funziona (l’ambasciata d’Italia a Tripoli non ha mai chiuso, neanche quando piovevano razzi nel centro della capitale) per riallacciare i rapporti politici. Ma con chi? Dallo scorso febbraio in Libia ci sono due amministrazioni rivali che si contendono il potere. Da una parte c’è il Governo di unità nazionale (Gun) del premier ad interim Abdulhamid Dbeibah, controverso politico e imprenditore di Misurata salito alla ribalta sfruttando il lacunoso meccanismo le Nazioni Unite; dall’altra c’è il cosiddetto Governo di stabilità nazionale (Gsn) designato dalla Camera dei rappresentanti dell’est e guidato dall’ex ministro dell’Interno Fathi Bashagha, appoggiato a sua volta dal generale Haftar.

Quest’ultimo tiene il piede in due staffe: ufficialmente schierato con Bashagha, il “feldmaresciallo” si è riposizionato in silenzio dopo le sconfitte e gli errori del premier designato, accordandosi sottobanco con Dbeibah per nominare un suo uomo di fiducia a capo della National Oil Corporation (Noc), l’ente petrolifero di Stato. Se vuole capitalizzare il vantaggio economico accumulato fin qui, il nuovo governo dell’Italia dovrà smarcarsi dall’inconcludente azione delle Nazioni Unite, ignorare le avance di sedicenti governi paralleli e stabilire quanto prima contatti bilaterali diretti con chi davvero comanda, ovvero Dbeibah e Haftar. Ci sono almeno tre buoni motivi per farlo: l’approvvigionamento energetico; la lotta alle migrazioni illegali; il contrasto al terrorismo di matrice islamista.

Di Alessandro Scipione. (Il Giornale/Inside Over)

Des coups de feu à Rotterdam: un massacre est à craindre

Selon la police, plusieurs personnes seraient mortes. Le suspect est âgé de 32 ans et le motif de l'attaque est inconnu « Plusieurs personnes ont été...

Sparatoria a Rotterdam: si teme una strage

Per la polizia sarebbero morte diverse persone. Il sospetto ha 32 anni e il motivo dell'attacco è sconosciuto "Diverse persone sono rimaste uccise in una...

Jens Stoltenberg à Kiev: «la reddition n’est pas la paix. Nous saluons le plan de Zelensky» (Vidéo)

(Rome, Paris, 28.09.2023). «Notre coopération est forte, notre alliance avec l'OTAN est naturelle», a déclaré le président ukrainien lors d'une conférence de presse avec...

Jens Stoltenberg a Kiev: «la resa non è pace. Accogliamo il piano di Zelensky» (Video)

(Roma, 28.09.2023). «La nostra cooperazione è forte, la nostra alleanza con la Nato è naturale», ha detto il presidente ucraino in conferenza stampa con...

France-Ukraine: le ministre de la Défense Sébastien Lecornu est arrivé à Kiev

Le ministre français de la Défense, Sébastien Lecornu, est arrivé ce matin à Kiev, a rapporté le journal «Le Figaro», expliquant que pour des...

Recevez notre newsletter et les alertes de Mena News


À lire sur le même thème

Votre réponse

Please enter your comment!
Please enter your name here