L'actualité du Proche et Moyen-Orient et Afrique du Nord

Nagorno Karabakh: Mosca ristabilisce il cessate-il-fuoco dopo gli scontri tra armeni e azeri

(Roma, 06 agosto 2022). In questi giorni vi è stata una riacutizzazione del conflitto tra Azerbaijan e Armenia sul Nagorno Karabakh, con reciproche accuse di rottura del cessate-il-fuoco e vittime da entrambe le parti. La regione, contesa e controllata per 30 anni dall’Armenia che vi ha istituito la Repubblica dell’Artsakh (non riconosciuta), è stata in buona parte ripresa dagli azeri nel 2020, comprese le sette province dell’Azerbaijan occupate con la guerra dei primi anni Novanta. Nel novembre dello stesso anno e dopo 6.500 morti la mediazione della Russia, che vi ha inviato una forza di stabilizzazione, ha fermato le ostilità attraverso un accordo che prevede il mantenimento, sotto controllo delle forse russe per 5 anni, del corridoio di Lachin, il quale unisce l’Armenia a quel che resta della Repubblica dell’Artsakh permettendone i rifornimenti.

Due giorni fa il ministero della Difesa dell’Azerbaigian ha disposto un’operazione per le “azioni di sabotaggio operate da “forze illegali armene” nella regione del Nagorno Karabakh, nonché colpi di artiglieria sulle posizioni azere situate attorno al corridoio di Lachin, cosa che ha portato all’uccisione di un militare di leva.

Secondo Mosca a iniziare le scaramucce sarebbero stati gli azeri, ed in una nota il ministero della Difesa ha fatto sapere che “il comando del contingente russo sta lavorando per stabilizzare la situazione insieme ai rappresentanti di Azerbaijan e Armenia”.

A distanza di diverse ore il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha tuttavia dovuto ammettere di essere ancora in attesa di proposte dalla parte armena, dopo che il primo ministro armeno Nikol Pashinyan aveva denunciato la mancanza di dettagli circa la presenza della forza di stabilizzazione russa. Il capo della diplomazia di Mosca ha insistito che tutte le parti in causa hanno la possibilità di proporre “iniziative aggiuntive” per il mantenimento del cessate-il-fuoco.

Il portavoce del Cremlino, Dimitri Peskov, ha chiesto moderazione e il rispetto degli accordi trilaterali, ed anche il segretario di Stato Usa Antony Blinken, che si è sentito al telefono con Pashinyan e il presidente azero Ilham Aliyev, ha sollecitato il dialogo tra le parti, garantendo che gli Usa “osservano la situazione da vicino”.

In queste ore la situazione sembra essersi comunque stabilizzata, ma la storia recente della regione del Nagorno Karabakh insegna che basta poco perché si torni a sparare.

Di Guido Keller. (Notizie Geopolitiche)

Ucraina: Antonio Guterres in visita a sorpresa in Moldova

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, è arrivato venerdì nella Repubblica di Moldova, dove incontrerà il presidente Maia Sandu. La visita a...

Ukraine: António Guterres en visite surprise en Moldavie

Le secrétaire général de l'ONU, Antonio Guterres, est arrivé vendredi en République de Moldavie, où il rencontrera la présidente Maia Sandu. La visite de...

Macron et Poutine, les retrouvailles au téléphone: ce qu’ils se sont dit ce vendredi

(Rome, 19 août 2022). Leur dernier entretien téléphonique remontait au 28 mai. Vladimir Poutine et Emmanuel Macron ne s'étaient plus parlé depuis le 28 mai....

Macron e Putin d’accordo sull’ispezione nella centrale di Zaporizhzhia

(Roma, Parigi, 19 agosto 2022). Gli ispettori dell'Agenzia internazionele per l'energia atomica potranno accedere alla centrale controllata dai russi e sotto attacco da parte...

Ukraine: Emmanuel Macron appelle les Français à «accepter de payer le prix de la liberté»

(Rome, 19 août 2022). Le chef de l'Etat a dénoncé «l'attaque brutale lancée par Vladimir Poutine» en Ukraine, après s'être entretenu dans la journée...

Recevez notre newsletter et les alertes de Mena News


À lire sur le même thème

Votre réponse

Please enter your comment!
Please enter your name here