L'actualité du Proche et Moyen-Orient et Afrique du Nord

Tunisia: centinaia di persone manifestano nel centro della capitale contro il referendum costituzionale

La protesta è stata organizzata dalla coalizione che comprende il gruppo di attivisti Citizens Against the Coup e Ennahda, i cui vertici sono accusati di aver avuto un ruolo negli omicidi dei due politici di sinistra Chokri Belaid e Mohamed Brahmi

Centinaia di persone hanno manifestato oggi nel centro di Tunisi contro il referendum costituzionale voluto dal presidente Kais Saied in programma per il prossimo 25 luglio. In base alle immagini diffuse dai media tunisini e internazionali, diversi cortei hanno sfilato per Avenue Habib Bourghiba, una delle principali arterie stradali di Tunisi, lanciando slogan con il presidente accusato di aver condotto un vero e proprio colpo di Stato. “Il popolo tunisino assesterà un duro colpo a Saied il giorno del referendum illegale e gli dimostrerà di non essere interessato al suo percorso populista”, ha detto Nejib Chebbi, capo della coalizione anti-referendum.

La protesta di oggi è stata organizzata dalla coalizione che comprende il gruppo di attivisti Citizens Against the Coup e Ennahda, il partito di ispirazione islamica protagonista degli ultimi dieci anni e i cui vertici, tra cui il suo leader Rachid Ghannouchi (presidente del dissolto parlamento tunisino), sono accusati di aver avuto un ruolo negli omicidi dei due politici di sinistra Chokri Belaid e Mohamed Brahmi, uccisi nel 2013. Le divisioni tra i partiti politici e le organizzazioni della società civile che criticano le mosse di Saied hanno reso più difficile per l’opposizione assumere una posizione chiara contro il presidente e mobilitare proteste di piazza.

La popolazione tunisina è chiamata a recarsi alle urne il prossimo 25 luglio per un referendum costituzionale incoraggiato dal presidente Kais Saied, il quale ha più volte esortato i cittadini a votare “sì” al fine di “correggere il percorso della rivoluzione”. Qualora la bozza della nuova Costituzione dovesse essere approvata, la Tunisia ritornerà a un sistema presidenziale a tutti gli effetti, e, quindi, a un sistema simile a quello precedente alla rivoluzione del 2011. Nello specifico, il capo di Stato eserciterà la funzione esecutiva, avrà il potere di nominare o rimuovere il primo ministro e nominare gli altri membri del governo, scelti tra i candidati proposti dal capo dell’esecutivo. Potrà poi respingere le leggi approvate dal Parlamento (che avrà due Camere, l’Assemblea dei rappresentanti del popolo e il Consiglio nazionale delle regioni) e assegnare alti incarichi civili e militari, oltre a dichiarare lo stato di emergenza in caso di “pericolo imminente” senza alcun controllo da parte di altri organi o limite temporale.

La maggiore incognita del referendum (senza quorum) guarda l’affluenza alle urne. Al momento, tuttavia, risulta essere difficile stabilire quale sarà la riposta dell’elettorato tunisino. Ciò che è più certo è che il referendum rappresenterà un test per valutare il consenso e la popolarità di Saied. Fonti di “Agenzia Nova” riferiscono che il presidente, in base al risultato del 25 luglio, potrebbe scegliere di dimettersi e di convocare elezioni presidenziali anticipate insieme alle legislative previste per il 17 dicembre prossimo: una decisione che gli consentirebbe di mettersi in gioco e di rispondere fattivamente alle critiche di autocrazia e di essere molto probabilmente rieletto con un mandato ancora più forte.

(Nova News)

Italia: frana a Ischia, trovato un corpo: almeno 12 dispersi. Piantedosi: «Persone sotto il fango non rispondono alle chiamate»

Il maltempo che si è abbattuto sull'isola campana ha causato una frana partita dalla pendici del monte Epomeo, che ha invaso il comune di...

Drame en Italie: au moins 8 morts dans un glissement de terrain sur l’île d’Ischia, 13 personnes toujours recherchées

Des habitations ont également été englouties lors de pluies torrentielles. Huit personnes sont mortes sur l'île d'Ischia, au large de Naples, à la suite...

La Russie tue aussi en hiver. Le coût élevé de l’énergie augmente le nombre de décès en Europe

(Rome, Paris, 26 novembre 2022). Cet hiver, l'arme énergétique de la Russie pourrait également faire des milliers de morts en Europe. Les coûts de...

La Russia uccide anche d’inverno. Il caro-energia fa crescere i morti in Europa

(Roma, 26 novembre 2022). Questo inverno, l’arma energetica russa potrebbe mietere migliaia di vite anche in Europa. Il caro-energia è correlato alle morti in...

Un logiciel russe s’est infiltré au cœur de l’Occident

(Paris, Rome, 25 novembre 2022). Même les herméneutiques les plus audacieuses ne pourraient prévoir l'étonnante versatilité du renseignement russe, capable de rester caché aux...

Recevez notre newsletter et les alertes de Mena News


À lire sur le même thème

Votre réponse

Please enter your comment!
Please enter your name here