L'actualité du Proche et Moyen-Orient et Afrique du Nord

Arabia Saudita: rilasciato Ali al-Nimr, il giovane manifestante condannato a morte nel 2014

(Roma, 27 ottobre 2021). Le autorità saudite hanno rilasciato oggi dal carcere Ali al Nimr, il giovane manifestante sciita il cui arresto all’età di 17 anni e la condanna a morte nel 2014 avevano suscitato condanne da parte della comunità internazionale. Ad annunciarlo sul suo profilo Twitter è stato lo zio di Nimr, Jaafar al Nimr, che ha pubblicato una foto di suo nipote poco dopo aver l’uscita dal carcere.

Ali al Nimr, nipote dell’importante esponente religioso sciita Nimr al Nimr la cui esecuzione nel 2016 aveva scatenato manifestazioni in Arabia Saudita e Iran, aveva 17 anni quando era stato arrestato nel febbraio 2012 per aver preso parte alle proteste nella provincia orientale saudita. Dopo l’arresto il giovane era stato condannato a morte nel 2014, condanna poi commutata in dieci anni di carcere nel febbraio 2021 dalla Commissione per i diritti umani saudita, a seguito delle forti pressioni della comunità internazionale. Stessa sorte ha riguardato anche altri due giovani condannati a morte per reati commessi quando erano minorenni: Dawood al Marhoun e Abdullah al Zaher.

Redazione. (Nova News)

Mikhail Gorbaciov, 91 anni, ricoverato in dialisi in ospedale

L'ex Presidente dell'Unione sovietica, e segretario del Partito Comunista,  Mikhail Gorbaciov, è stato ricoverato in ospedale, dove è in dialisi, lo ha  reso noto...

Mikhaïl Gorbatchev, 91 ans, hospitalisé sous dialyse

L'ancien président de l'Union soviétique et Premier secrétaire du Parti communiste Mikhaïl Gorbatchev a été hospitalisé, où il est sous dialyse, a indiqué Rousslan...

L’Ouzbékistan décrète l’État d’urgence dans une région après des manifestations antigouvernementales

Le président ouzbek Chavkat Mirzioïev a décrété samedi 2 juillet l'état d'urgence pour un mois dans la république autonome du Karakalpakistan, secouée par une...

La Libye à nouveau en feu ? Les échos depuis Tripoli

(Rome, Paris, 02 juillet 2022). Les manifestations libyennes constituent un signal d'alarme. Les citoyens sont épuisés, le risque de dérives violentes existe et pourrait...

La Libia di nuovo in fiamme ? Cronache da Tripoli

(Roma, Parigi, 02 luglio 2022). Le proteste libiche sono un campanello d’allarme. I cittadini sono stremati, il rischio di derive violente esiste e potrebbe...

Recevez notre newsletter et les alertes de Mena News


À lire sur le même thème

Votre réponse

Please enter your comment!
Please enter your name here