L'actualité du Proche et Moyen-Orient et Afrique du Nord

Migranti: la ministra degli Esteri spagnola, «mai cercato di provocare una crisi col Marocco»

Roma, 23 maggio 2021). La Spagna non ha mai cercato di provocare una crisi col Marocco, né l’ha alimentata: l’obiettivo del governo di Madrid è lasciarsela alle spalle il prima possibile. È quanto dichiarato dalla ministra degli Esteri spagnola, Arancha Gonzalez Laya, in un’intervista a “El Pais” incentrata sulla crisi migratoria nell’exclave spagnola di Ceuta, letteralmente presa d’assalto nei giorni scorsi da migliaia di migranti. “Siamo rispettosi nei nostri rapporti con tutti i Paesi, ma chiediamo anche che anche gli altri siano rispettosi nei nostri confronti”, ha aggiunto Gonzalez Laya. La ministra si è detta consapevole del fatto che la crisi sia tutt’altro che finita, sebbene la Spagna abbia deciso di non rispondere ai gesti ostili del Paese nordafriano e di non convocare per delle consultazioni il suo ambasciatore a Rabat, come ha fatto il Marocco con il suo rappresentante a Madrid. La situazione, secondo la ministra spagnola, “è sfuggita di mano”.

Tensione tra Spagna e Marocco per i flussi a Ceuta

“Quelli che abbiamo visto in questi giorni non erano africani subsahariani cui il Marocco stava impedendo di raggiungere l’Europa, ma giovani marocchini che rischiano la vita per lasciare il loro Paese, come se fuggissero da una guerra o da una calamità”, ha detto la titolare della diplomazia iberica. “Si tratta di marocchini che, dopo la chiusura del confine con Ceuta a causa della pandemia di Covid un anno fa, sono rimasti senza sostentamento”, ha detto Gonzalez Laya. Rabat ha cercato di contrastare il danno che queste immagini hanno arrecato alla sua reputazione internazionale accusando la Polizia spagnola di maltrattare gli immigrati, ma il tentativo è vano, ha affermato la ministra, secondo cui tutti hanno potuto vedere cosa è successo. La crisi migratoria fra Spagna e Marocco sembra correlata alla decisione presa il mese scorso dalla Spagna di ospitare e curare in segreto e sotto falso nome il leader del Fronte Polisario, Brahim Ghali. Il Fronte Polisario è l’organizzazione che lotta per l’autodeterminazione del Sahara occidentale, una disputa di lungo corso che vede su fronti contrapposti l’Algeria e il Marocco.

Redazione. (NovaNews)

Azerbaïdjan-Arménie: Bakou libère 15 prisonniers arméniens en échange de cartes des mines

(Rome, 12 juin 2021). L'Azerbaïdjan a accepté la libération de 15 prisonniers arméniens en échange de cartes relatives au placement de 97.000 mines antichars...

Azerbaigian-Armenia: Baku libera 15 prigionieri armeni in cambio della mappe sulle mine

(Roma, 12 giugno 2021). L’Azerbaigian ha acconsentito alla liberazione di 15 prigionieri armeni in cambio delle mappe relative al posizionamento di 97 mila mine...

G7: Biden appelle les alliés des USA à se mobiliser contre la Chine

(Rome, 12 juin 2021). Les dirigeants mondiaux réunis à Carbis Bay, au Royaume-Uni, pour la deuxième journée du sommet du G7 ont exprimé leurs...

G7: Biden chiama a raccolta gli alleati USA in funzione anti-Cina

(Roma, 12 giugno 2021). I leader mondiali riuniti a Carbis Bay, nel Regno Unito, per la seconda giornata del vertice del G7 hanno espresso...

G7: Emmanuel Macron s’est entretenu avec Joe Biden et Boris Johnson

(Roma, 12 juin 2021). Le sommet du G7 continue dans le sud de l’Angleterre, samedi 12 juin. Comme le veut la tradition, c’est l’occasion...

Recevez notre newsletter et les alertes de Mena News


À lire sur le même thème

Votre réponse

Please enter your comment!
Please enter your name here