L'actualité du Proche et Moyen-Orient et Afrique du Nord

La Francia scende in piazza per l’insegnante decapitato: « Je suis Prof ». Il premier Jean Castex in strada tra la folla

« Non ci fate paura. Non abbiamo paura. Non ci dividerete. Siamo la Francia! ». Lo ha scritto su Twitter il premier francese, Jean Castex, presente alla manifestazione a Place de la République a Parigi in memoria del professore decapitato davanti alla sua scuola, Samuel Paty, per aver mostrato una vignetta di Maometto durante una lezione sulla libertà di espressione in classe. Mobilitazione massiccia contro la violenza fanatica: partiti, associazioni e sindacati hanno chiamato a raccolta i militanti per una serie di manifestazioni in programma in diverse città, fra cui Parigi, Lyon, Tolosa, Nantes, Lille, Marsiglia, Bordeaux.

A Parigi, a Place de la République, sono presenti centinaia di persone. In mezzo alla folla molti esponenti politici, tra cui il premier Castex, il sindaco della capitale Anne Hidalgo, la presidente della regione « Ile-de-France » Valérie Pécresse. La folla ha osservato un minuto di silenzio, seguito dalle note della Marsigliese, l’inno francese. « No al totalitarismo del pensiero », « Je suis Samuel’, questi alcuni degli slogan che i partecipanti hanno scritto su cartelli e fogli. Tanti hanno portato le caricature di Maometto. Un minuto di silenzio è stato osservato anche a Lione. Tra la folla Gérard Collomb, l’ex sindaco che ha denunciato il ritardo nella lotta contro il radicalismo. « È un male profondo, bisognerà lottare a livello intellettuale. Gli insegnanti sono in prima linea per contrastare questa ideologia mortifera », ha detto. Sale a 11 il numero delle persone arrestate. L’undicesima persona, appartenente alla cerchia famigliare dell’aggressore, è stata arrestata questa mattina.

Liban: les souverainistes ne nommeront pas Saad Hariri. Samir Geagea dit «non à aucune initiative conjointe avec le trio au pouvoir»

Le chef du parti souverainiste des Forces libanaises (FL) Samir Geagea, a affirmé que «la vraie raison derrière la décision du parti de ne...

Haut-Karabakh: plus de 140 djihadistes tués, de nombreux combattants rentrent en Syrie

(Rome 20 octobre 2020). Des activistes de l'Observatoire syrien des droits de l'homme (OSDH) ont confirmé que le gouvernement turc avait transporté un nouveau...

Nagorno-Karabakh: Oltre 140 jihadisti uccisi, numerosi combattenti tornano in Siria

(Roma 20 Ottobre 2020). Gli attivisti dell’Osservatorio siriano per i diritti umani (SOHR) hanno confermato che il governo turco ha trasportato un nuovo gruppo...

Francia-Iraq: Macron conferma impegno nella coalizione internazionale

Nel corso dell'incontro che si è tenuto ieri, 19 ottobre, all'Eliseo, con il primo ministro iracheno, Mustafa al Kadhimi il presidente Emmanuel Macron ha...

France-Irak: Macron confirme son engagement au sein de la coalition internationale

Le président français Emmanuel Macron a reçu lundi le Premier ministre irakien Mustafa al Kadhimi, avec lequel il a réaffirmé les « liens d’amitié profonds »...

Recevez notre newsletter et les alertes de Mena News


À lire sur le même thème

Votre réponse

Please enter your comment!
Please enter your name here