L'actualité du Proche et Moyen-Orient et Afrique du Nord

Francia: la guerra al separatismo islamista è già iniziata ?

(Roma 18 ottobre 2020). Sullo sfondo dell’ultimo e sanguinoso attentato di stampo islamista che ha sconvolto la quotidianità francese, portando alla decapitazione di un insegnante nei pressi di Parigi, nel Paese stanno aumentando le retate nelle moschee e nei centri culturali e gli arresti di personaggi ritenuti potenzialmente pericolosi per la sicurezza nazionale. In breve, anche se l’ambizioso progetto di legge di riforma dell’islam proposto da Emmanuel Macron è ancora lontano dall’arrivare in sede parlamentare, la lotta al separatismo islamista sembra essere già cominciata.

Gli arresti e le retate

Il 14 ottobre è stato tratto in arresto dalle forze dell’ordine francesi un noto personaggio della comunità islamica d’Oltralpe: Idriss Sihamedi, il fondatore e il direttore di BarakaCity, un’organizzazione non governativa impegnata in attività culturali e sociali a favore dei musulmani. L’operazione, durante la quale sono stati anche perquisiti gli uffici dell’ente e sequestrati computer, documenti cartacei e libri, è stata motivata dal presunto supporto morale di Sihamedi al terrorismo islamista ed è soltanto l’ultima di una lunga serie.

Nei giorni precedenti al blitz, Sihamedi aveva utilizzato i canali mediatici della sua organizzazione non governativa per invitare i musulmani francesi “a rispondere in maniera unita ai tentativi di Macron di controllare le loro convinzioni personali e la loro vita pubblica”. Il suo arresto ha provocato un’ondata di oltraggio e indignazione sia in Francia che all’estero, in primis in Turchia, perché è avvenuto in diretta: Sihamedi, infatti, stava registrando una puntata per gli ascoltatori della radio di BarakaCity.

Secondo i dati del Ministero degli Interni, fra gennaio e ottobre di quest’anno, la “lotta contro la radicalizzazione” ha condotto alla chiusura di 73 enti, tra moschee, scuole private, centri culturali, attività commerciali e organizzazioni non governative; una cifra elevata e in crescita rispetto agli anni recenti che si inquadra e si spiega nell’ambito dell’agenda anti-islamista della presidenza Macron. Per comprendere la rilevanza di questi numeri

si pensi al fatto che dal 2015 al 2017 le moschee chiuse dalle autorità nell’ambito della stessa lotta erano state 19.

Ma a risaltare, oltre al numero dei luoghi di ritrovo sui quali sono stati messi i sigilli, è la loro natura. L’attenzione delle autorità non è più rivolta esclusivamente ai locali tradizionali, come sono ad esempio le moschee, ma anche ai ristoranti, ai bar e ai centri ricreativi, luoghi apparentemente irrilevanti eppure estremamente importanti perché potrebbero essere utilizzati come dei punti d’incontro da reclutatori, imam radicali e terroristi.

Il progetto di legge

L’idea di Macron è radicale nel senso originale del termine: non propone una soluzione palliativa, anela a risolvere l’annoso fascicolo dell’islam radicale in Francia andando ad agire a livello di radici. Il primo passo, fondamentale, sarà la riforma della legge sulla separazione tra Stato e Chiesa del 1905, il cardine del regime laicista francese, per permetterne l’estensione e l’applicazione anche alle relazioni con l’islam.

Sarà soltanto a partire da quella legge che il presidente francese potrà realizzare gli altri punti del piano: la stretta sulle moschee e sulle scuole religiose, la regolamentazione degli affari islamici a livello di politica locale in accordo con l’interesse pubblico, il potenziamento dello stato sociale per ridurre gli spazi di manovra alle associazioni caritatevoli islamiche, la formazione degli imam in Francia, la fine dell’istruzione a domicilio.

Inoltre, nelle scuole pubbliche di ogni ordine e grado potrebbe essere l’introdotto l’insegnamento della lingua araba con l’obiettivo di sottrarne il monopolio agli imam fai da te e facilitare il dialogo interculturale. Si tratta di uno dei paragrafi-chiave dell’intera proposta macroniana perché, se approvato, consacrerebbe la fine del modello assimilazionista che ha storicamente il modus operandi di Parigi nei riguardi dell’integrazione.

Ultimo ma non meno importante, il presidente francese ha auspicato la creazione di un istituto nazionale di islamologia avente l’obiettivo di “riformare l’islam”, ossia di privarlo di quei caratteri teologici e dottrinali ritenuti contrari ai valori della Repubblica e fonte potenziale di problemi, in quanto tradizionalmente sfruttati dai predicatori estremisti per giustificare il terrorismo e il jihad armato.

Emanuel Pietrobon. (Inside Over)

Francia: direttore generale Sanità, «la seconda ondata Covid può essere più forte della prima»

In Francia la seconda ondata di coronavirus potrebbe rivelarsi più forte della prima. Lo ha detto Jerome Salomon, direttore generale della Sanità, davanti alla...

France: pour le directeur général de la santé, «la deuxième vague de Covid pourrait être supérieur à la première»

Le Directeur général de la Santé a souligné qu'il fallait être dans « l'anticipation ». Jérôme Salomon a fait montre de pessimisme. Ce mercredi,...

Erdogan querela Charlie Hebdo per la vignetta in copertina: «Attacco ignobile, sono canaglie»

Prima aveva detto di voler ignorare quella vignetta, poi ha deciso di ricorrere ad un'azione giudiziaria. Al presidente turco Recep Tayyip Erdogan non è...

Erdogan s’en prend aux «vauriens» de Charlie Hebdo pour l’avoir caricaturé. Le parquet d’Ankara ouvre une enquête

Le journal satirique a publié mardi soir la « une » de son édition de mercredi, sur laquelle on voit le président turc, en T-shirt et...

Francia: lockdown nazionale dalla mezzanotte di giovedì

Secondo l'emittente francese BFMTV, alla vigilia dell'intervento del presidente Emmanuel Macron, il governo francese prevede un lockdown nazionale per un mese a partire dalla...

Recevez notre newsletter et les alertes de Mena News


À lire sur le même thème

Votre réponse

Please enter your comment!
Please enter your name here