L'actualité du Proche et Moyen-Orient et Afrique du Nord

Italia-coronavirus (segue) : Giuseppe Conte, restrizioni estese a tutta Italia

«Non ci sarà più una zona rossa. Le misure restrittive vengono estese a tutta Italia». E’ l’ultima misura annunciata dal premier Giuseppe Conte per far fronte all’emergenza coronavirus. «I contagi e i decessi sono in forte aumento», ha sottolineato il presidente del Consiglio invitando tutti a cambiare le proprie abitudini e limitare gli spostamenti. Le nuove misure del provvedimento, chiamato da Conte «Io resto a casa», saranno in vigore da martedì.

Spostamenti solo per lavoro, necessità o salute

«Gli spostamenti in tutta Italia saranno possibili solo per motivi di lavoro, necessità o salute», ha annunciato il premier ricordando che «vanno evitati in modo assoluto gli assembramenti per fermare il contagio».

Ci si può muovere per fare la spesa

Tra i casi di necessità che consentono gli spostamenti c’è anche la spesa per generi alimentari ». E’ quanto precisano fonti di Palazzo Chigi, spiegando che dunque che la limitazione ai movimenti delle persone, estesa a tutto il territorio nazionale, non riguarda la necessità di uscire di casa per andare a fare la spesa.

Stop scuole e università fino al 3 aprile

Inoltre, ha detto Conte, «in tutta Italia l’attività di scuole di ogni ordine e grado e delle università è sospesa fino al 3 aprile».

Nessuna limitazione ai trasporti pubblici

«Per i trasporti non è all’ordine del giorno una limitazione dei trasporti pubblici, per garantire la continuità del sistema produttivo e consentire alle persone di andare a lavorare», ha precisato il premier.

Le nostre abitudini vanno cambiate ora

«I numeri – ha ribadito Conte – ci dicono che stiamo avendo una crescita importante delle persone in terapia intensiva e purtroppo delle persone decedute. Le nostre abitudini vanno cambiate ora: dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa per il bene dell’Italia. Lo dobbiamo fare subito e ci riusciremo solo se tutti collaboreremo e ci adatteremo a queste norme più stringenti».

Stop a tutte le manifestazioni sportive

Il premier ha poi detto che «non c’è ragione per cui proseguano le manifestazioni sportive, abbiamo adottato un intervento anche su questo». Si ferma dunque anche il campionato di calcio di Serie A. «I tifosi – ha commentato Conte – devono prenderne atto. Non consentiremo neppure che vengano utilizzate le palestre».

Niente restrizioni per l’estero, controlleremo gli ingressi

«Sugli effetti con l’estero – ha chiarito – non cambia nulla: gli spostamenti dei cittadini italiani avverranno sempre alle stese condizioni ma controlleremo gli ingressi in Italia». (TGCOM24)

Israël submergé par les protestations: affrontements devant la maison de Netanyahu

(Paris, Rome, 27.03.2023). Affrontements avec la police et tentatives de franchissements des barricades devant la résidence du Premier ministre Benyamin Netanyahu Forte tension en Israël...

Scontri davanti alla casa di Netanyahu: Israele travolto dalle proteste

(Roma, 26.03.2023). Scontri con la polizia e tentativi di sfondare le barricate fuori dalla residenza del premier Benyamin Netanyahu Alta tensione in Israele dopo il...

Israël: nouvelles manifestations après le limogeage du ministre de la Défense

(Rome, Paris, 26.03.2023). Il avait appelé à la suspension du projet de la réforme de la justice. Une foule s'est également rassemblée près de...

Israele: ancora manifestazioni dopo il licenziamento del ministro della Difesa

(Roma, 26.03.2023). Aveva chiesto lo stop della riforma sulla giustizia. Una folla si è radunata anche vicino alla residenza del primo ministro Netanyahu a...

Moscou accuse Kiev d’avoir tenté d’attaquer Toula à l’aide d’un drone

(Rome, Paris, 26.03.2023). Le ministère russe de la Défense indique avoir neutralisé un drone Tu-141 « Strizh » à l’aide du système de brouillage Pole-21 avant...

Recevez notre newsletter et les alertes de Mena News


À lire sur le même thème

Votre réponse

Please enter your comment!
Please enter your name here